Ti aiuto a gestire il tempo per cambiare la tua vita, in un’ottica di work-life balance.

gestione del lavoro gestione del tempo time managing

Gestione del tempo per freelance: falsi miti e strategie

Gestione del tempo per freelance

Gestione del tempo per freelance: sembra facile, ma non lo è! Se sei una freelance e ti senti dire spesso che sei padrona del tuo tempo perché puoi organizzare le tue giornate come vuoi; sei flessibile, dicono, ma tu non ti senti di vivere una situazione idilliaca, allora questo articolo fa per te! In questo articolo sfateremo alcuni falsi miti sul lavoro autonomo ed il legame con la gestione del tempo. Esploreremo, poi, alcune strategie volte alla massimizzazione dell’efficienza e al raggiungimento di un solido eqiolibrio: il work-life balance.

Buona lettura!

Per chi ha un lavoro come dipendente il lavoro autonomo è spesso visto come “il lavoro ideale”: hai dalla tua parte la flessibilità, non hai un capo che ti dice cosa fare, se non ti va di lavorare puoi andare dal parrucchiere, in palestra o dove ti pare senza chiedere il permesso a nessuno. Ma è davvero così?

Indubbiamente il lavoro autonomo, quello delle partite IVA, dei freelance e dintorni ha molti aspetti positivi. Però, c’è un però. Non è tutto rosa e fiori e senza disciplina, buon senso e una spiccata dose di capacità comunicative, non si andrebbe molto lontano con il proprio business.

Il rischio è quello di prendersi carico di tanto, troppo e mischiare inesorabilmente vita privata e vita lavorativa. Risultato? Rischiare di entrare nel loop del multitasking, avere la mente che saltella tra impegni familiari e lavorativi ed uno spreco di energie che non porta a maggiore produttività, ma ad un forte stress, fino al burnout. E a proposito di multitasking, ti rimando all’articolo Multitasking vs monotasking.

La gestione del tempo per freelance è decisamente un’arma vincente, non per tutti, ma bisogna riuscire a navigare bene nel mare dei freelance. Ma allora quali sono le sfide che i freelance affrontano con la loro gestione del tempo? Vediamole.

Gestione del tempo per freelance: i falsi miti

Nel mondo del lavoro autonomo, circolano molti miti sulla “facilità” di gestire il tempo. Ma la realtà è spesso ben diversa. Proviamo a sfatare i falsi miti, gettando luce sulle sfide reali che i freelance affrontano nella gestione del tempo e fornendo consigli pratici per superarle.

Ecco alcune tra le tipiche convinzioni che sono generalmente diffuse:

“Da freelance, hai tutto il tempo del mondo”

Il tempo è una risorsa preziosa, per tutti, e tutti non dovrebbero sprecarla. Ma per tutti, quindi anche per i freelance, il tempo è una risorsa limitata. Il fatto di non essere legati al tipico orario di lavoro 9-18, per esempio, non vuol dire che un freelance debba sprecarlo, né che sia infinito. Anzi, la necessità di bilanciare più progetti, clienti e scadenze molto spesso irregolari, non stabilite dall’alto, può rendere la gestione del tempo ancora più complessa. Nessuno ti dice cosa fare, quando farla.

Strategia 1

Struttura la giornata in maniera chiara con una pianificazione efficace, destinando blocchi di tempo per specifici compiti o progetti.

“Il lavoro da freelance è flessibile, quindi puoi lavorare quando vuoi”

Ci sono diverse falle in questa modo di pensare. In primis, se non stabilisci dei confini e li rispetti la flessibilità si fonderà con la procrastinazione, con tutte le conseguenze del caso. A proposito di procrastinazione, approfondisci con il seguente articolo 5 principali cause della procrastinazione e le soluzioni.

In secondo luogo, “flessibilità” non vuol dire “maggiore produttività”, né tanto meno “produttività efficace”. Potere scegliere i propri orari non vuol dire sapere scegliere quelli giusti, quelli che ci consentono di essere produttivi in base alle task da eseguire, alla tipologia di cliente e/o al progetto che dobbiamo affrontare, alla energia di cui disponiamo che può dipendere da una moltitudine di fattori. Sulla produttività per approfondire ti suggerisco i seguenti articoli:

Come organizzare la scrivania per massimizzare la produttività

Come aumentare la produttività delegando compiti minori: l’arte della delega

La tecnica del pomodoro per la produttività: guida completa e applicazione efficace

Batching: come ottimizzare il tuo tempo e aumentare la produttività

Strategia 2

Stabilisci orari di lavoro regolari e rispettali. Comunica a chi ti sta intorno (vive con te, lavora con te, dipende da te, ecc.) i tuoi orari di lavoro così che, salvo imprevisti, potranno rivolgersi a te durante i momenti che non dedichi al lavoro. In questa maniera il tuo lavoro e la tua concentrazione non verranno disturbate e tu potrai entrare nel tuo flow produttivo. La coerenza, la routine ed una comunicazione efficace possono aumentare significativamente la tua produttività.

Gestione del tempo per freelance - falsi miti e strategie

“I freelance hanno sempre un perfetto equilibrio vita-lavoro”

Il tanto ambito work-life balance non è scontato e va comunque mantenuto nel tempo. Non è facile, a prescindere, ma per i freelance può persino essere più complesso da raggiungere in quanto questi ultimi sono spesso alle prese con una varietà di lavori che solitamente un dipendente non ha. Anche in questo caso senza confini chiari, il lavoro può facilmente invadere la vita personale, e viceversa.

Strategia 3

Definisci confini chiari tra lavoro e vita privata. Ad esempio, evita di lavorare nelle aree dedicate al relax o e stabilisci orari in cui stacchi completamente dal lavoro.

“La gestione del tempo è facile quando sei il tuo capo”

Essere il proprio capo significa prendere tutte le decisioni, avere molte più responsabilità e dovere gestire tutti gli aspetti del proprio lavoro (anche se delegati in quanto anche delegare non è per tutti), compresa la gestione del tempo. Questo aspetto può essere molto più difficile di quanto sembri, in quanto spesso non rientra tra le proprie aree di genio, oltre al fatto che spesso quando si lavora in autonomia vengono a mancare le strutture e i supporti tipici di un ambiente di lavoro tradizionale (per esempio le politiche di supporto regolarmente retribuite per le esigenze familiari).

Strategia 4

Utilizza strumenti di gestione del tempo come calendari, tool di pianificazione e tecniche efficaci, come la tecnica pomodoro, per mantenere la concentrazione e l’efficienza.

Se vuoi saperne di più sulla tecnica del pomodoro allora vai a leggere il seguente articolo: La tecnica del pomodoro per la produttività: guida completa e applicazione efficace

Professional Organizer & Coach

Ciao, sono Gianna, Professional Organizer e Coach, esperta in gestione del tempo e del lavoro. Sono qui per supportarti in questo viaggio verso una gestione del tempo più efficace e motivante. Ti aiuto a gestire il tempo ed il lavoro per cambiare la tua vita, in un’ottica di work-life balance.

Se vuoi lavorare con me ti invito a contattarmi scrivendomi una mail a ciao@giannadigirolamo.it o a prenotare una call gratuita di 20 minuti qui.

Per sapere più nel dettaglio di cosa mi occupo vai alla mia pagina dei servizi.

Seguimi su Instagram e iscriviti alla mia newsletter, riceverai in regalo il pdf “6 passi verso una buona gestione del tempo”

“I freelance possono prendersi una pausa in qualsiasi momento”

In teoria si, ma solo in teoria. Si perché oltre alla pressione costante di un lavoro che ne ingloba altri a sé (non solo la realizzazione del lavoro, ma anche la ricerca di clienti, il marketing, la fatturazione e tutte le altre attività amministrative), è onnipresente lui: il senso di colpa.

Il senso di colpa crea nel freelance un forte stress al solo pensiero di prendersi una pausa specialmente (ed è la regola) se ci sono scadenze da rispettare o clienti da soddisfare.

Sarà impossibili prendersi una pausa quando se ne sente il bisogno? Assolutamente no, basta seguire alcuni consigli.

Strategie 5 e 6

Pianifica pause regolari e considerale parte integrante della tua giornata lavorativa. Prendere pause brevi e regolari può aumentare la produttività e la creatività. Se vuoi conoscere meglio il potere delle pause ti suggerisco di leggere il seguente articolo: Importanza delle pause per la produttività

Inoltre lavora pianificando dei cuscinetti temporali, ovvero degli spazi di tempo libero collocati opportunamente tra una task e l’altra che ti consentiranno, al bisogno, di staccare senza sensi di colpa. In merito alla pianificazione nel mio blog trovi diversi articoli, alcuni tra questi sono Come gestire al meglio il tuo tempo: consigli per una pianificazione efficace e Time management per mamme imprenditrici e strategie efficaci

Gestione del tempo per freelance: conclusione

In conclusione, essere freelance presenta sfide uniche nella gestione del tempo. Tali sfide sono indubbiamente diverse da quelle che affronta chi ha un lavoro dipendente. Sfatare i miti che aleggiano sul lavoro da freelance, inquadrandolo erroneamente come idilliaco, ci aiuta a comprendere e superare certe problematiche, adottando strategie efficaci. Tutto questo per lavorare in modo più intelligente, efficiente, mantenendo l’equilibrio e massimizzando la produttività. La gestione del tempo per un freelance è fondamentale sotto diversi profili, non solo lavorativi, ma anche personali e di sanità mentale. Ricorda, gestire efficacemente il tempo come freelance richiede disciplina, struttura e, soprattutto, un approccio realistico alle sfide che presenta, perché di sfide un freelance ne incontrerà tantissime.

Lascia un commento se l’articolo ti è piaciuto o se vuoi condividere la tua esperienza, le tue difficoltà o le tue vittorie nel lavoro da freelance, ti leggo volentieri.

Buon vento!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli consigliati